Scopri la storia di
casa del jazz

Casa del Jazz, situata in Viale di porta Ardeatina all’interno di un grande parco, è costituita da tre edifici che ospitano differenti attività.

All’interno della struttura principale, un auditorium multifunzionale, di 150 posti, è utilizzato per concerti dal vivo, proiezioni e incontri. Un sofisticato sistema di registrazione consente di realizzare prodotti discografici e, in questo modo, immortalare e diffondere i concerti e gli eventi ospitati dalla Casa.

Gli altri due edifici ospitano rispettivamente il primo, sale di prova e registrazione e una foresteria a disposizione dei musicisti ospiti, l’altro un ristorante.

Il progetto Casa del Jazz, fortemente voluto dal Sindaco Veltroni, nasce dalla confisca della Villa appartenuta al boss della banda della Magliana Enrico Nicoletti e, successivamente, assegnata al Comune di Roma. Una lapide posta all’ingresso, con i nomi delle vittime di mafia, realizzata in collaborazione con l’associazione Libera di Don Ciotti, testimonia la vittoria rappresentata dalla sua restituzione alla città e ai cittadini.

le orchestre
residenti

I nostri spazi

ESPLORA
IL PARCO
A 360°
Portami qui

Sala concerti

Casa del Jazz ospita un Auditorium di circa 150 posti.

Bibliomediateca

Boris Vian chiedeva agli amanti del jazz di fare testamento delle proprie collezioni sottolineando l’urgenza di salvarne il patrimonio.

Parco di Casa del Jazz

Villa Osio è distribuita su una superficie di 2.500 mq e circondata da un parco di 25.240 mq

i nostri spazi

Sala concerti

Casa del Jazz ospita un Auditorium di circa 150 posti.

Bibliomediateca

Boris Vian chiedeva agli amanti del jazz di fare testamento delle proprie collezioni sottolineando l’urgenza di salvarne il patrimonio.

Parco di Casa del Jazz

Villa Osio è distribuita su una superficie di 2.500 mq e circondata da un parco di 25.240 mq

l’etichetta
discografica

i nostri partners

Casa del Jazz è gestita da
Fondazione Musica per Roma
Fondazione Musica per Roma gestisce L’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone e Casa del Jazz